AGEVOLAZIONI ABBATTIMENTO BARRIERE ARCHITETTONICHE – TAX CREDIT PER LA RIQUALIFICAZIONE DELLE STRUTTURE RICETTIVE

DL 31/05/2014 N. 83 “ART BONUS” in vigore dal 01/06/2014

Crediti alle imprese operanti nel settore turistico per la promozione dei servizi online e per l’abbattimento delle barriere architettoniche. Queste le novità contenute nel decreto Art Bonus, finalizzato allo sviluppo del matrimonio culturale e alla promozione del settore turistico. Il decreto Cultura e Turismo predispone incentivi per la ristrutturazione edilizia e per l’adeguamento delle strutture ricettive esistenti in data 01 Gennaio 2012.
Queste, infatti, potranno usufruire di un credito d’imposta pari al 30% delle spese sostenute per interventi di ristrutturazione edilizia ed eliminazione delle barriere architettoniche, il quale sarà ripartito in cinque quote annuali di pari somma.

Estratto DECRETO-LEGGE 31 maggio 2014, n. 83

Disposizioni urgenti per la tutela del patrimonio culturale, lo sviluppo della cultura e il rilancio del turismo. (14G00095)
….
Titolo II
MISURE URGENTI A SUPPORTO DELL’ACCESSIBILITA’ DEL SETTORE CULTURALE E TURISTICO
…..
Art. 10
Disposizioni urgenti per l’introduzione di un credito di imposta per favorire la riqualificazione e l’accessibilita’ delle strutture ricettive

1. Al fine di migliorare la qualita’ dell’offerta ricettiva per accrescere la competitivita’ delle destinazioni turistiche, per il periodo d’imposta in corso alla data di entrata in vigore del presente decreto e per i due successivi, alle strutture ricettive esistenti alla data del 1° gennaio 2012, e’ riconosciuto un credito d’imposta nella misura del trenta per cento delle spese sostenute fino ad un massimo di 200.000 euro nei periodi di imposta sopra indicati per gli interventi di cui al comma 2. Il credito d’imposta e’ riconosciuto fino all’esaurimento dell’importo massimo di cui al comma 5 del presente articolo.

2. Il credito di imposta di cui al comma 1 e’ riconosciuto esclusivamente per le spese relative a interventi di ristrutturazione edilizia di cui all’articolo 3, comma 1, lettera d), del decreto del Presidente della Repubblica 6 giugno 2001, n. 380, o a interventi di eliminazione delle barriere architettoniche in conformità alla legge 9 gennaio 1989, n. 13, e al decreto del Ministero dei lavori pubblici 14 giugno 1989, n. 236.

3. Il credito d’imposta e’ ripartito in tre quote annuali di pari importo e, in ogni caso, e’ riconosciuto nel rispetto dei limiti di cui al regolamento (UE) n. 1407/2013 della Commissione europea del 18 dicembre 2013, relativo all’applicazione degli articoli 107 e 108 del trattato sul funzionamento dell’Unione Europea agli aiuti «de minimis». Il credito d’imposta non rileva ai fini del rapporto di cui agli articoli 61 e 109, comma 5, del testo unico delle imposte sui redditi di cui al decreto del Presidente della Repubblica n. 917 del 1986 ed e’ utilizzabile esclusivamente in compensazione ai sensi dell’articolo 17 del decreto legislativo 9 luglio 1997, n. 241, e successive modificazioni. La prima quota del credito d’imposta relativo alle spese effettuate nel periodo d’imposta in corso alla data di entrata in vigore del presente decreto e’ utilizzabile non prima del primo gennaio 2015.

4. Con decreto del Ministro dei beni e delle attivita’ culturali e del turismo, di concerto con il Ministro dell’economia e delle finanze e il Ministro dello sviluppo economico, sentita la Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le regioni, le province autonome di Trento e Bolzano da adottare entro tre mesi dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto, sono stabilite le disposizioni applicative del presente articolo, con riferimento, in particolare a:

a) le tipologie di strutture ricettive ammesse al credito di imposta;
b) le tipologie di interventi ammessi al beneficio, nell’ambito di quelli di cui al comma 2;
c) le procedure per l’ammissione al beneficio, che avviene secondo l’ordine cronologico di presentazione delle relative domande, nel rispetto dei limiti di cui ai commi 1 e 5;
d) le soglie massime di spesa eleggibile per singola voce di spesa sostenuta;
e) le procedure di recupero nei casi di utilizzo illegittimo dei crediti d’imposta secondo quanto stabilito dall’articolo 1, comma 6, del decreto-legge 25 marzo 2010, n. 40, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 maggio 2010, n. 73.
5. Ai maggiori oneri derivanti dalla concessione del credito d’imposta di cui al comma 1, nel limite massimo complessivo di 20 milioni di euro per l’anno 2015, e di 50 milioni di euro per gli anni dal 2016 al 2019, si provvede ai sensi dell’articolo 17.

Scarica l’informativa

19/06/14 7:05 PM , da admin